Parte il progetto 'Noi sosteniamo l'attività motoria e sportiva'

Parte il progetto 'Noi sosteniamo l'attività motoria e sportiva' big
Realizzato dalla Regione Emilia Romagna in collaborazione con il Coni, il Comitato italiano paralimpico e gli enti di promozione sportiva emiliano-romagnoli, il progetto intitolato "Noi sosteniamo l'attività motoria e sportiva" prevede percorsi formativi ed eventi il cui obiettivo è promuovere l'esercizio fisico e lo sport come strumenti per la tutela della salute e la diffusione del benessere

Il Progetto “Noi sosteniamo l’attività motoria e sportiva” è frutto dell’accordo siglato nel 2012 dall’Assessorato alle politiche per la salute e dall’Assessorato allo Sport della Regione Emilia-Romagna, dai Comitati regionali del Coni, dal Comitato italiano paralimpico (Cip) e dagli enti di promozione sportiva emiliano-romagnoli.

Avviando un percorso formativo rivolto a istruttori e dirigenti di società sportive, intende favorire, tramite contributi regionali, l’organizzazione di eventi e iniziative aperti alla cittadinanza per moltiplicare le possibilità di svolgere attività fisica a partire dalla scuola primaria, ma rivolgendosi a tute le fasce di età. L’obiettivo è dunque accrescere ulteriormente la consapevolezza nei confronti dei benefici, in termini di salute e benessere, prodotti dallo svolgimento regolare di attività fisica e sport, prendendo le distanze dall’esasperazione agonistica e favorendo la partecipazione di tutti e la coesione sociale.

Il percorso formativo ha preso il via a Forlì il 12 settembre, proseguendo il 16 settembre a Reggio Emilia e il 23 settembre a Bologna. Gli incontri proseguiranno in ottobre nelle altre province. Tecnici, allenatori delle squadre giovanili e dirigenti delle società sportive sono chiamati in causa per valorizzare il ruolo fondamentale di una sana attività sportiva sin dall’infanzia, motivando e coinvolgendo tutti i bambini, anche i più fragili, contrastando così il fenomeno dell’abbandono precoce dell’attività sportiva, evidenziando il valore della solidarietà, dell’impegno e del divertimento.

La Regione ha stanziato 350.000 euro destinati al finanziamento di progetti con queste finalità  promossi da associazioni sportive aderenti al percorso formativo e all’organizzazione di eventi da parte di associazioni, società sportive, istituti scolastici ed enti locali – anche in collaborazione con le Aziende sanitarie – rivolti a tutta la cittadinanza. Tra le iniziative che verranno attuate figurano, solo per citarne alcune, i percorsi all’aria aperta, i gruppi di cammino, l’attività fisica nei parchi e l’apertura mirata di strutture sportive.

Ha inoltre messo a disposizione docenti esperti sulle tematiche riguardanti la relazione tra sport e salute e le competenze del Centro regionale antidoping (presso l’Azienda Usl di Modena) per iniziative che riguardino il contrasto dell’uso di sostanze dopanti e l’abuso di farmaci e integratori.
Per partecipare agli incontri formativi, che sono gratuiti, tecnici, istruttori e dirigenti delle società sportive possono contattare il Coni dell’Emilia Romagna al numero di telefono 051.55.11.92 oppure scrivere a sdsemiliaromagna@coni.it o compilare le schede di partecipazione direttamente nel sito www.coniemiliaromagna.org.

Share

LEGGI ANCHE

Mondo digitale

Pablo Foncillas Diaz-Plaja, esperto di marketing, autore, consulente e docente di fama internazionale, sarà protagonista del webinar, tenuto in lingua inglese, intitolato “How marketing leads the digital transformation: ideas, examples and trends”, proposto da

Sace Simest, la società di Cassa Depositi e Prestiti, sostiene la partecipazione di tutte le piccole e medie imprese, in forma singola o aggregata, a MidCap e grandi aziende a fiere, mostre, missioni di sistema e eventi promozionali, anche virtuali, per promuover

Corpore sano per una mens sana.

Fitness app

Fitness club e centri sportivi stanno affrontando la cosiddetta Fase 3 dell'emergenza Coronavirus, profondamente influenzata dalla digitalizzazione.

Ragazza che gioca a Padel

Tra gli sport che hanno ottenuto maggior successo dopo il lockdown figura sicuramente il Padel, inventato negli ani Sessanta da Enrique Corcuera, svolto utilizzando una racchetta corta più facile da maneggiare, risultando dinamico e reattivo.

Chuck Runyon e Dave Mortensen

Dopo le ultime aperture – avvenute a Rho, in provincia di Milano, a Francavilla, in provincia di Chieti, e a Verona – Anytime Fitness ha reso noto che aprirà altri 9 club nel nostro Paese entro la fine dell’anno, raggiungendo così quota 35.