Prevenire il sovrappeso e l'obesità infantili con iniziative multisettoriali

Prevenire il sovrappeso e l'obesità infantili con iniziative multisettoriali big
Dal 2005 l'AUSL di Modena promuove "progetti di comunità" per diffondere un'alimentazione sana e una regolare attività fisica in età scolare, in collaborazione con amministrazioni comunali, altri enti, aziende private e associazioni

Le iniziative multisettoriali attuate per prevenire sovrappeso e obesità fin dall’infanzia e promuovere uno stile di vita improntato alla salute, coinvolgendo i detentori d’interesse della comunità, hanno un grande valore. Dal 2005 il Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione dell'AUSL di Modena promuove progetti di comunità, ovvero interventi per diffondere una sana alimentazione e una regolare attività motoria a partire dalla scuola, con il contributo attivo delle amministrazioni comunali e di altri enti, nonché di aziende private e associazioni.  

Obiettivo primario di tali progetti di comunità è promuovere l’auto-efficienza nell’intraprendere scelte salutari, accrescendo l’autoconsapevolezza e la fiducia, sia negli adulti sia nei bambini, nell’efficacia degli sforzi intrapresi per promuovere la propria salute nel tempo. È dimostrato che l’efficienza collettiva percepibile all’interno di una comunità orientata a scelte salutari accresce la consapevolezza delle persone circa i risultati che si intendono ottenere, rafforza la motivazione a conseguirli, intensificando la resistenza alle avversità e valorizzando ulteriormente i successi ottenuti. Nell’ambito di un progetto di comunità ogni individuo può dunque contribuire a migliorare la propria salute e quella altrui.

Tali iniziative hanno durata pluriennale, un programma condiviso e implicano azioni coordinate e continuative in tema di alimentazione e attività fisica per l’intero anno solare, in ambito sia scolastico sia extrascolastico. Il target principale è costituito da bambini e famiglie, ma sono previste ricadute positive sull’intera popolazione. Il sistema di sorveglianza dei bambini della scuola primaria – in parte basato su misurazioni antropometriche dirette su campioni rappresentativi a livello provinciale, regionale e nazionale – fornisce utili indicazioni sulla prevalenza di sovrappeso e obesità, ma non consente di misurare l’efficacia degli interventi.

Per questa ragione per tre anni sono state seguite, in modo sperimentale, alcuni gruppi di bambini della scuola dell’infanzia e di quella primaria tramite la compilazione, da parte dei genitori, di semplici questionari anonimi che hanno permesso di valutare modificazioni dei comportamenti alimentari e delle abitudini motorie nei bambini e nelle loro famiglie.

Ad aprile del 2012 i progetti erano attivi in 7 territori con il coinvolgimento di oltre 10.000 bambini e ragazzi e con una ricaduta diretta o indiretta su circa 100.000 persone. Le iniziative attuate comprendevano la formazione degli insegnanti sulla sana alimentazione e lo svolgimento di attività fisica, percorsi educativi in classe sviluppati dagli stessi docenti e da nutrizionisti, nonché la consegna di materiale educativo a bambini e famiglie e l’implementazione di percorsi motori e sportivi in orario scolastico.

È stato inoltre attivato il progetto Piedibus rivolto ai bambini che vanno a scuola a piedi ed è stata promossa la diffusione di merende salutari a scuola. Queste azioni, sostenute anche in ambito extrascolastico, sono state rafforzate da iniziative divulgative pubbliche quali stand informativi per strada o all’interno di centri commerciali, iniziative sportive e ricreative, escursioni guidate sul territorio e gruppi di cammino, feste nelle scuole, formazione degli istruttori delle società sportive e persino la realizzazione di mostre itineranti dei materiali divulgativi prodotti dalle scuole.

A oggi, sono stati formati circa 400 insegnanti e oltre 600 classi, appartenenti a scuole di vario ordine e grado coinvolte nei progetti educativi. I progressi nei comportamenti dei bambini sono stati registrati, in special modo per quanto attiene ad alcune abitudini alimentari, mentre i risultati riguardanti l’attività motoria sono più controversi probabilmente a causa della ridotta età dei soggetti analizzati (3-5 anni) e dunque da verificare più attentamente con ulteriori indagini. Dopo un solo anno dall’implementazione del progetto è stato possibile documentare, in uno dei territori coperti dai progetti di comunità, uno spiccato aumento del consumo delle porzioni di frutta (+53%) e di verdura (+43%) durante la refezione scolastica.

Dibattito aperto

Si discute molto sulle strategie più efficaci per prevenire l’obesità nell’infanzia e promuovere sane abitudini alimentari e motorie e si conviene sul fatto che sia importante intervenire precocemente. I bambini costituiscono un target prioritario per contrastare la diffusione dell’obesità infantili e adolescenziale anche perché sono maggiormente aperti a nuove esperienze e quindi più predisposti a modificare i propri comportamenti in senso più salutare, influenzando positivamente le proprie famiglie.

Inoltre si sa che i comportamenti virtuosi acquisiti da piccoli hanno maggiori probabilità di essere mantenuti in età adulta e la scuola è l’ambiente ideale per favorire questo fenomeno in un ambiente trasversale dal punto di vista socioculturale. L’ambiente scolastico è stimolante, genera entusiasmo e induce gli studenti a diventare protagonisti delle iniziative attuate e addirittura a idearne altre.

Altrettanto importanti sono la promozione dell’attività fisica, sia sportiva sia libera, dentro e fuori la scuola, la condivisione di scelte alimentari salutari, l’adeguatezza qualitativa della ristorazione scolastica, la diffusione di merende equilibrate e i messaggi pubblicitari utilizzati. Il coinvolgimento di specialisti quali dietisti, nutrizionisti e medici dello sport può essere un utile supporto agli interventi, ma l’onerosità di sinergie di questo tipo rappresentano un limite.

Su larga scala è dunque più facile attuare interventi basati sul coinvolgimento degli insegnanti che devono essere adeguatamente formati, specialmente per raggiungere il target dei bambini in età prescolare e della scuola primaria, ambito in cui i messaggi da trasmettere devono essere estremamente semplici. La continuità dell’informazione e la capacità degli insegnanti di coinvolgere i propri alunni sono altri importanti fattori critici.

Sicuramente fitness club e centri sportivi, ovvero i professionisti dell’esercizio fisico, possono giocare un ruolo importante all’interno di iniziative di questo tipo.

 

 

Share

LEGGI ANCHE

Che l'attività fisica faccia bene alla salute è un fatto ormai noto, ma ora sappiamo anche quanto, di preciso, muoversi allunghi la vita.

Smartphone in palestra

Urban Sports Club, l’applicazione ch

Cardiofitness in palestra

Un recente studio coordinato dal professor Zhen Yan della Facoltà di Medicina dell’Università della Virginia ha evidenziato che svolgere esercizio fisico con regolarità può ridurre il rischio di soffrire della sindrome da distress respiratorio, u

Esterno club Planet Fitness

Anche il mercato del fitness statunitensi è alle prese con le grandi difficoltà generate dall’emergenza Coronavirus, in virtù della quale molti club sono ancora chiusi.

Fitness digitale

Il lockdown ha imposto un’evidente accelerazione alla trasformazione digitale anche nel settore fitness.

Insegna Gold's Gym

Gold's Gym ha recentemente annunciato il lancio di un nuovo modello di business che va ad ampliare e diversificare la sua offerta in franchising e rende il noto marchio ancor più attrattivo, raggiungendo il target dei potenzia