Sotto l'albero c'è lo sport

Sotto l'albero c'è lo sport big
A Padova impianti sportivi aperti e attività ludiche per i bambini durante le feste: un aiuto per i genitori che lavorano.

Le palestre delle scuole di Padova e altri impianti sportivi comunali resteranno aperti per i bambini dai 4 ai 10 anni durante la pausa scolastica del periodo natalizio. Con questa iniziativa l’amministrazione comunale patavina intende dare una mano ai papà e alle mamme che lavorano e, inevitabilmente, si trovano in difficoltà nei periodi di sospensione dell’attività scolastica.

Dal 27 al 30 dicembre e dal 2 al 5 gennaio gli impianti rimarranno aperti dalle 7.45 alle 16 e i bambini, seguiti da istruttori esperti, svolgeranno attività ludico-motorie. Un servizio davvero utile e salutare proposto a prezzi accessibili. La settimana part time (fino alle ore 13) è proposta a 50 euro compresa la merenda, quella a tempo pieno a 90 e include pranzo e merende. E i prezzi scendono per chi opta per le due settimane: 70 euro per la soluzione part time e 150 euro per quella a tempo pieno.

«Dopo la felice esperienza dello scorso anno – ha commentato Umberto Zampieri, assessore ai Servizi sportivi – abbiamo deciso di riproporre l’iniziativa il cui obiettivo e dare un reale supporto alle famiglie durante il periodo della pausa scolastica natalizia». L’iniziativa, come ha ricordato lo stesso Zamperi, ha inoltre il merito di contrastare la sedentarietà infantile offrendo ai bambini la possibilità di svolgere attività ludico-motoria divertenti e socializzanti, alternative alle ore trascorse davanti alla televisione e alla consolle dei giochi elettronici. Attività che possono inoltre fungere da avviamento alla pratica sportiva.

Share

LEGGI ANCHE

Vanessa Ferrari

Con l'hashtag la #iorestoacasa, anche la Federazione Ginnastica d'Italia invitata tutti a restare a casa, continuando però a fare esercizio, a mantene

FIBO 2019

L'edizione 2020 di FIBO, il principale evento espositivo dedicato al settore fitness e wellness a livello mondiale, era in programma alla fiera di Colonia

Basta jogging nei parchi, basta partitelle tra amici nel cortile di casa: AiCS rappresenta un milione di sportivi in Italia, a loro chiedo di stare in casa.

Un milione di euro ai reparti di terapia intensiva degli ospedali della Romagna, per l’acquisto urgente di postazioni e macchinari.

L'Università di Bologna non si ferma e dopo aver portato in modalità a distanza didattica, esami, lauree e i servizi all’utenza, da domani sbarca sui social con alcuni appuntamenti culturali e sportivi.

Con il decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri del 9 marzo scorso, il Governo guidato dal premier Giuseppe Conte ha esteso la 'zona rossa' a tutta l'Italia, nel tentativo di contenere e contrastare la diffusione del Coronavirus.