Sovrappeso e obesità nel mirino

Sovrappeso e obesità nel mirino big
Le linee guida per la lotta all'obesità discusse al meeting delle Nazioni Unite

Il tema della lotta alle malattie non trasmissibili, i cui principali fattori di rischio comprendono anche e soprattutto sovrappeso e obesità, continua, purtroppo, a essere di grande attualità. Nel corso del meeting delle Nazioni Unite sulla prevenzione e il controllo delle malattie croniche – svoltosi lo scorso settembre a New York – sono stati presentati documenti il cui obiettivo è suggerire ai governi approcci di prevenzione e interventi sulla popolazione che consentano di affrontare uno dei maggiori problemi di salute pubblica a livello mondiale. Si tratta di una vera e propria emergenza il cui impatto sui sistemi sanitari nazionali è devastante.

L’Obesity day 2011, svoltosi lo scorso 10 ottobre, ha offerto un’ulteriore occasione per analizzare, anche in Italia, diversi approcci al problema e proporre riferimenti, materiali utili e riflessioni. È emerso che l’indice di massa corporea (Body Mass Index, BMI) continua a essere utilizzato come principale indicatoredello stato ponderale delle persone. Come noto, si ottiene dividendo il peso in chilogrammi per la statura in metri elevata al quadrato. Valori compresi tra 25 e 29,9 indicano sovrappeso, superiori a 30 obesità.

Dal 2007, l’indagine OKkio alla Salute raccoglie i dati relativi a stato ponderale, abitudini alimentari ed esercizio fisico dei bambini delle terze primarie, ovvero di età compresa tra gli 8 e i 9 anni, mentre Hbsc (Health Behaviour in School-aged Children) studia i comportamenti dei ragazzi di 11, 13 e 15 anni. I dati relativi al 2010 emersi da questi osservatori sono decisamente preoccupanti, in special modo per i bambini che al momento della rilevazione frequentavano la terza elementare. Il 23 per cento risultava in sovrappeso e l’11,2 per cento addirittura obeso, con percentuali più alte nelle Regioni del Centro e del Sud d’Italia.
 

Share

LEGGI ANCHE

Che l'attività fisica faccia bene alla salute è un fatto ormai noto, ma ora sappiamo anche quanto, di preciso, muoversi allunghi la vita.

Smartphone in palestra

Urban Sports Club, l’applicazione ch

Cardiofitness in palestra

Un recente studio coordinato dal professor Zhen Yan della Facoltà di Medicina dell’Università della Virginia ha evidenziato che svolgere esercizio fisico con regolarità può ridurre il rischio di soffrire della sindrome da distress respiratorio, u

Esterno club Planet Fitness

Anche il mercato del fitness statunitensi è alle prese con le grandi difficoltà generate dall’emergenza Coronavirus, in virtù della quale molti club sono ancora chiusi.

Fitness digitale

Il lockdown ha imposto un’evidente accelerazione alla trasformazione digitale anche nel settore fitness.

Insegna Gold's Gym

Gold's Gym ha recentemente annunciato il lancio di un nuovo modello di business che va ad ampliare e diversificare la sua offerta in franchising e rende il noto marchio ancor più attrattivo, raggiungendo il target dei potenzia