Tutto quello che non sapevate sulle maratone…

Maratona di New York
Autore: 
Davide Venturi
Mercoledì, Marzo 30, 2016
La piattaforma turistica GetYourGuide ha realizzato un pratico calendario delle 33 migliori maratone al mondo contenente informazioni utili e curiosità per consentire ai tanti appassionati di podismo di scegliere l’evento “giusto”

Sono tanti i podisti nel mondo, Italia compresa, e molti di loro si cimentano anche nel fitness. Tante persone che hanno incominciato a correre per perdere peso e rimettersi in forma, magari su un tapis roulant in palestra, si sono appassionati al punto tale da voler provare il brivido di portare a termine una maratona.

Chi ama correre e sfidare se stesso è ancora tempo a prepararsi per partecipare a una delle maratone che si terranno nel corso del 2016. La piattaforma turistica GetYourGuide ha creato, in formato infografica, un pratico calendario delle 33 migliori maratone per consentire ai tanti appassionati di podismo di scegliere l’evento “giusto”.

Questo utile almanacco di immediata consultazione contiene anche 5 liste che classificano le maratone più importanti, le più veloci, quelle con la più alta partecipazione femminile, le più costose e le più estreme, in modo da fornire un’informazione completa su una disciplina che continua a guadagnare popolarità.

 

Le maratone più popolari

In testa alla classifica delle maratone con il maggior numero di partecipanti c’è quella di New York che lo scorso anno ha registrato 49.500 partecipanti che hanno tagliato il traguardo di Central Park. Alle sue spalle Parigi (con più di 40.000 podisti che hanno che portato a termine la corsa), seguita da Londra e Chicago, rispettivamente con 37.600 e 37.200 partecipanti giunti all’arrivo.

 

Il record di velocità

La maratona di Berlino del 2015 ha registrato il record di velocità dell’anno: 42 chilometri e 195 metri corsi in 2 ore e 4 minuti. Il vincitore della maratona di Londra, Chaps Elysée, ha invece coperto il percorso in 2 ore, 5 minuti e 49 secondi. Le gera di Tokyo e Amsterdam, sempre del 2015, hanno visto i due vincitori registrare ottimi tempi: rispettivamente 2 ore e 6 minuti e 2 ore, 6 minuti e 19 secondi.

 

Uno sport non solo per i maschi

La maratona non è di certo una disciplina esclusivamente maschile: all’edizione 2015 di quella di Missoula, in Montana, negli Stati Uniti, la metà dei partecipanti erano donne. Le podiste non temono nemmeno la calura dell’Outback australiano e di Honolulu, le cui maratone hanno registrato una percentuale di partecipanti di sesso femminile rispettivamente pari al 47,4 e al 47,36% del totale.

 

C’è un prezzo da pagare

Mesi di allenamento, un regime alimentare rigoroso e la rinuncia a gran parte del proprio tempo libero non sono il solo prezzo da pagare per correre una maratona. C’è da mettere in conto anche il costo dell’iscrizione, in alcuni casi decisamente elevato. Iscriversi alla maratona dell’Antartide – che si corre a 20 gradi sotto zero, con vento contrario e luce fioca – costa 13.800 euro, quota che include trasporto e approvvigionamento. Correre l’Inca Trail, la maratona disputata sulle pendici del Machu Picchu, costa invece 2.200 euro. Sono queste le due maratone più costose tra le 33 selezionate, seguite dalla Big Five, la maratona che si svolge in una riserva naturale del Sud Africa, tra leoni, elefanti, rinoceronti e leopardi, la cui tassa di partecipazione è pari a 1.800 euro.

Share

LEGGI ANCHE

Mondo digitale

Pablo Foncillas Diaz-Plaja, esperto di marketing, autore, consulente e docente di fama internazionale, sarà protagonista del webinar, tenuto in lingua inglese, intitolato “How marketing leads the digital transformation: ideas, examples and trends”, proposto da

Sace Simest, la società di Cassa Depositi e Prestiti, sostiene la partecipazione di tutte le piccole e medie imprese, in forma singola o aggregata, a MidCap e grandi aziende a fiere, mostre, missioni di sistema e eventi promozionali, anche virtuali, per promuover

Corpore sano per una mens sana.

Fitness app

Fitness club e centri sportivi stanno affrontando la cosiddetta Fase 3 dell'emergenza Coronavirus, profondamente influenzata dalla digitalizzazione.

Ragazza che gioca a Padel

Tra gli sport che hanno ottenuto maggior successo dopo il lockdown figura sicuramente il Padel, inventato negli ani Sessanta da Enrique Corcuera, svolto utilizzando una racchetta corta più facile da maneggiare, risultando dinamico e reattivo.

Chuck Runyon e Dave Mortensen

Dopo le ultime aperture – avvenute a Rho, in provincia di Milano, a Francavilla, in provincia di Chieti, e a Verona – Anytime Fitness ha reso noto che aprirà altri 9 club nel nostro Paese entro la fine dell’anno, raggiungendo così quota 35.